fbpx

Le richieste di lavoro per le professioni ICT sfondano quota 100.000

Corsi di Formazione Informatica

Mancano le figure competenti nel settore ICT.

L’Osservatorio delle Competenze Digitali evidenzia la situazione Italiana. Sono circa 106.000 gli annunci di lavoro rivolti a profili ICT a livello nazionale, con una crescita superiore al 27% rispetto al 2017.

Il 46% dei posti vacanti sono dedicati ai Developpers (programmatori) con oltre 49 mila richieste. più di 12 mila posti di lavoro come Digital Consultant e 7 mila nel Digital Media Specialist.
La Trasformazione Digitale è attualmente il più grande volano generatore di figure professionali emergenti in assoluto. I numeri del fatturato complessivo delle grandi aziende del web lo dimostrano: oltre 692 miliardi di euro il fatturato dei vari Amazon, Google, Facebook, etc. (maggiori info sul sito americano https://www.forbes.com/ )Tecno digital academy Formazione nell ICT

 

Oltre ad una quantità importante in costante aumento di figure specializzate o a media specializzazione nel Digital come queste che riportiamo (fonte: http://www.informagiovaniroma.it/);

circa 25 profili in linea con la norma UNI 11621:

  1. community manager: crea e contribuisce a potenziare le relazioni tra i membri di una comunità virtuale e tra questa e l’organizzazione committente. Costruisce e gestisce la relazione con gli stakeholder online
  2. web project manager: è un project manager specializzato in ambito Web che gestisce quotidianamente il progetto in maniera efficace, con lo scopo di conseguire gli obiettivi del progetto concordati con la committenza
  3. web account manager: ha il compito di tradurre i bisogni dei clienti in obiettivi che l’organizzazione si pone. In particolare, gestisce le trattative e le relazioni di business per favorire la vendita di prodotti e/o servizi in internet e ha la responsabilità di raggiungere i target di vendita e mantenere i margini
  4. user experience designer:  ha il compito di integrare i requisiti dell’utente, i requisiti dell’applicazione, i vincoli di accessibilità e di usabilità in una interfaccia visuale e in un modello di interazione il più possibile uniforme e integrato
  5. business analyst: ha il compito di analizzare e definire i flussi dei processi di business: è esperto in materia/dominio in cui si deve essere sviluppato il prodotto web, deve garantire l’integrità della soluzione e l’allineamento con le necessità di business
  6. DB administrator: definisce, progetta e ottimizza la struttura delle banche dati. Garantisce la sicurezza del database curando l’implementazione di adeguate policy di backup e recovery di dati
  7. search engine expert: si occupa nelle varie fasi del progetto del supporto e della verifica dei risultati inerenti il posizionamento sui motori di ricerca, impartendo le regole di relativa ottimizzazione
  8. advertising manager: definisce la natura delle campagne promozionali in relazione ai mezzi di comunicazione più adeguati, al fine di ottenere la più ampia propagazione delle informazioni oggetto della promozione
  9. fronted web developer: realizza e/o codifica interfacce web based con attenzione alle specifiche del cliente e al target di utenza
  10. server side web developer: contribuisce alla creazione di app
  11. web content specialist: produce contenuti, sia testuali che multimediali, che siano efficaci sul web. Cura il contenuto anche in base della piattaforma che lo dovrà ospitare (sito Web, social network, blog, interfaccia) e del target (utenza) e monitora l’usabilità del sito per gli utenti
  12. web server administrator: installa software, configura ed aggiorna sistemi ICT
  13. information architect: identifica e rappresenta la struttura degli elementi informativi e funzionali di un dominio, adottando un approccio di design centrato sull’utente
  14. digital strategic planner: supporta il management di un’organizzazione nelle scelte strategiche relative alla presenza e alle attività sulla rete
  15. web accessibility expert: il suo ruolo è legato alla tipologia di intervento svolta: può essere di supporto allo sviluppo di interfacce, di applicazioni o di contenuti
  16. web security expert: analizza il contesto di riferimento, valuta e propone l’adeguata politica di sicurezza da implementare in accordo con le policy aziendali per proteggere le applicazioni, i server web, i dati e i processi correlati
  17. mobile application developer: assicura la realizzazione e l’implementazione di applicazioni per periferiche mobili
  18. e-commerce specialist: progetta l’implementazione di idonee soluzioni per il commercio elettronico relazionandosi con altri professionisti
  19. online store manager: è responsabile del “conto economico del negozio online”, dell’assortimento, delle attività di merchandising e delle promozioni in-store
  20. reputation manager: si occupa di analizzare, gestire e influenzare la reputazione di chiunque (organizzazione o individuo) sia presente sulla rete
  21. knowledge manager: promuove le attività connesse alla gestione e comunicazione delle conoscenze aziendali, identificando modalità, strumenti, processi e prassi finalizzate a favorire lo sviluppo del capitale intellettuale attraverso la condivisione
  22. augmented reality expert: si occupa di progettare e realizzare esperienze di realtà aumentata a partire dal design visuale dell’interfaccia fino ad arrivare all’interazione fra utente e sistema
  23. e-learning specialist:  ha il compito di progettare, gestire e monitorare percorsi e ambienti di apprendimento online, scegliendo e applicando tecnologie, approcci e strategie didattiche per i diversi livelli e contesti di apprendimento formale e non formale
  24. data scientist: identifica, raccoglie, prepara, valida, analizza, interpreta dati inerenti a diverse attività dell’organizzazione per estrarne informazione, anche tramite lo sviluppo di modelli predittivi per generare sistemi organizzati di conoscenza avanzati.
  25. wikipedian: collabora ai progetti Wikimedia (wikimedia.org) fra cui Wikipedia, anche creando e modificando voci e contenuti. All’interno della struttura in cui opera individua e valorizza i dati e i materiali utili alla crescita della comunità wikimediana, mettendoli a disposizione, verificando il punto di vista neutrale, attraverso licenze aperte e incentivando il confronto tra le persone per il miglioramento dei contenuti al fine di aumentare la reputazione della struttura di residenza.

Le richieste di lavoro per le professioni ICT sfondano quota 100.000 e siamo solo all’inizio di una notevole trasformazione che ci accompagnerà nei prossimi 10 anni.

Hits: 54

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *