fbpx

Glossario Digital Marketing

Corsi di Formazione Informatica

Glossario Digital Marketing

Acquisition Cost: (budget speso) / (# conversioni). Indica quanto ho pagato per completare una conversione (ad esempio un utente iscritto alla newsletter). Ad esempio: se si sono spesi 100 euro per acquisire 10 utenti, l’acquisition cost è di 10 euro.  Questo valore va tipicamente confrontato con il ricavo che si prevede da un singolo utente per verificare se l’azione ha avuto un buon ritorno dell’investimento.

Conversion Rate:   (# click sull’ad = utenti che arrivano in landing) / (# conversion = utenti che eseguono la call to action) * 100. Maggiore è questo valore, maggiore è il successo della landing page e della sua relativa call to action.

CPC, Cost Per Click: è il costo per ogni clic ricevuto dal post/banner/campagna. Se si acquista pubblicità, è uno dei possibili criteri per pagare l’advertising a FacebookTwitterAdWords, e così via.
Il CPC dipende tipicamente da un bid, ossia quanto si è disposti a spendere per un clic (valore che viene poi comparato con la concorrenza, come per un’asta).

CPM, Cost per Mille (visualizzazioni): è il costo per ogni mille visualizzazioni di un’ad. Può dipendere da vari fattori, come l’indice di qualità dell’ad, il target e il posizionamento dell’ad stesso (un posizionamento nel news feed è più costoso che non nella fascetta a destra della pagina Facebook). Un esempio  di calcolo: se il CPM è 80 cent, 10.000 visualizzazioni costeranno 8 euro.

CTA, Call To Action: Su una Landing Page o direttamente su Facebook è il bottone, il form, il banner o altro che invita l’utente ad effettuare l’azione per cui è finalizzata la campagna: l’acquisto, la richiesta di contatto, l’iscrizione ad una newsletter, la prova di un prodotto, ecc.

CTR, Click-Through Rate: (# click sull’ad = utenti che arrivano in landing) / (# impressions = numero di utente che visualizzano l’ad) è un valore percentuale che misura quanto il banner/campagna sia efficace, cioè quanto incuriosisca o attiri l’attenzione dell’utente stimolandolo a effettuare un clic per saperne di più. Esempio: se abbiamo 30 clic su 750 visualizzazioni del banner o della campagna, allora il CTR è di 30/750 = 0,04 ovvero il 4%.

Impression: # visualizzazioni del banner o della campagna. Il numero di impression indica quante volte la pubblicità è stata mostrata: ricordiamo che un impression è la visualizzazione a schermo, ma l’utente potrebbe anche non accorgersi affatto del banner.

Landing Page: letteralmente pagina di atterraggio ovvero  una pagina web su cui si atterra dopo aver effettuato un click sul banner o ad. In questa pagina si forniscono maggiori dettagli e solitamente si visualizza in maniera ben evidente una call to action come atto conclusivo del processo di acquisto. Un CTR elevato a fronte di un basso numero di clic sulla Call to Action potrebbe essere indice di una Landing poco efficace, o di un eccessivo gap tra il messaggio nell’ad e quello della landing.

ROI (return on investiment): (ricavo – spese / spese). Indica il ritorno di un investimento pubblicitario. Ad esempio se spendo 100 euro e ne tornano indietro 500, il ROI è di (500-100)/100 = 4 volte l’investimento iniziale (400%)

Il tuo sito è ben ottimizzato, ha landing page graficamente piacevoli e una significativa “call to action”, ma il tuo tasso di conversione è basso? leggi bene il Glossario Digital Marketing. Ecco allora alcuni principi identificati da KissMetrics e Unbounce per ottimizzare gli sforzi: 7 principi basati sul design che ti aiuteranno a creare il tuo metodo personale per ottenere buone percentuali di conversione e successo nel marketing e business. Offri ai tuoi potenziali clienti una migliore esperienza di navigazione sul tuo sito e migliora la percentuale di conversione da visitatore a cliente.

1# Principio: Indice di attenzione
È l’indice di interazione tra elementi (links) di una pagina e il numero traguardi raggiunti da una campagna. L’importante è portare l’attenzione dei visitatori su una azione che vuoi che facciano.

2# Principio: Legame di Conversione
È il legame che esiste tra il click prima e dopo l’arrivo dell’utente sulla tua landing page. Fondamentale creare un legame tra la tua pubblicità o comunicazione che porta alla landing page a il visual design della stessa che ovviamente devono essere coerenti.

3# Principio: Design
Creare un design che abbia un senso per i visitatori nel contesto in cui si troveranno (è quindi fondamentale conoscere i propri utenti e il loro ambiente).

4# Principio: Design Attinente
Un design appropriato prevede coerenza tra gli elementi della pagina.

5# Principio: Chiarezza
Creare una UX semplice, facilmente comprensibile e piacevole. L’utente dovrà ricordare almeno chi sei e quali sono i tuoi servizi/prodotti, meglio ma più difficile ottenere conversione e far ricordare il proprio brand per future necessità.

6# Principio: Credibilità
Utilizzare segnali di fiducia, trasparenza e commenti verificabili. Creare sicurezza rafforza la credibilità del tuo brand ti aiuterà ad aumentare le conversioni.

7# Principio: Mantenimento delle Conversioni
Cerca sempre ogni opportunità per richiedere una ulteriore azione (conversione) ai nuovi contatti o leads, (ad esempio una pagina di ringraziamento o di conferma di registrazione…etc).

il Glossario Digital Marketing ti aiuta a chiarire i dubbi sui molti termini spesso usati e che a volte non sono semplici da recepire.

Hits: 169